Alessandra Amoroso: “Il 13 luglio a San Siro ci sarà tanta musica”

36

MILANO – Altro 13 del mese, altra puntata di “Tutto Accade su RTL 102.5” con Alessandra Amoroso. Manca sempre meno al concerto a San Siro della cantante salentina, che si terrà il 13 luglio. Anche ieri sera la puntata è andata in onda in diretta dalle 21 alle 23, con Gigio D’Ambrosio e Matteo Maffucci.

LE CANZONI DI ALESSANDRA AMOROSO IN ONDA SU RTL 102.5

Durante la diretta è andata in onda “Immobile”. “Questa canzone mi ricorda tanto. ‘Immobile 10+1’ è la versione 2.0 di ‘Immobile’. Nel videoclip si vede il set di un video con le persone che hanno collaborato e lavorato con me in questi quattordici anni”, ha detto Alessandra Amoroso. “Tutte le cose nel videoclip erano una sorpresa per la mia Big Family. È stato difficile trattenere le lacrime mentre giravamo”.

Credo nell’amore” è una canzone che Alessandra Amoroso ha cantato con Gianni Morandi: “Questa è una canzone molto importante per me e per il mio percorso”, ha detto la cantante salentina. “È stata una delle prime persone a starmi accanto, uno dei primi grandi artisti che da subito ha creduto in me e nel mio talento”.

LE AUDIZIONI PER I BALLERINI DEL CONCERTO A SAN SIRO

Nella scorsa puntata Alessandra Amoroso Veronica Peparini avevano annunciato l’apertura delle audizioni per i futuri ballerini del concerto a San Siro. “Ho dovuto scegliere settanta ballerini, si sono presentati in seicento”, ha detto Alessandra. “È stato molto complicato scegliere, Veronica si è fatta aiutare anche da tutti i suoi assistenti. Loro hanno cominciato alle 9 del mattino, è durato tutto il giorno”.

Da cosa è stata colpita Alessandra durante i casting? “È stato molto emozionante vedere i ragazzi così pieni di esserci, con tanta voglia di condividere e di ritornare sul palco”, ha detto la Amoroso. “È stato molto emozionante, ho fatto fatica a esprimere il mio pensiero perché era pieno di amore. Sono state tante ore e anche per arrivare lì ci sono persone che hanno attraversato l’Italia. È stato un bel momento di condivisione e ringrazio tutti, anche se abbiamo scelto un numero limitato”.

LA BIG FAMILY

Immancabile, come ogni 13 del mese, anche nella quinta serata la Big Family. Ci sarà qualche ballerino famoso sul palco di San Siro? “Si, ci sarà”, ha detto la Amoroso. “Non posso dirvi tutto, altrimenti che sorpresa è?”.

C’è un sogno che Alessandra ancora non ha realizzato, non solo nella sua vita professionale? “Lo stadio è stato un grande sogno. Un altro è un amore sano, bello, puro, fatto di cose belle”, ha raccontato Alessandra. “L’amore senza compromesso, senza sacrificio, incondizionato”.

Come fa Alessandra a scegliere una canzone e poi a renderla sua? “Faccio un po’ fatica. Quando ascolto i provini fatti dall’artista faccio fatica a cantarli io, perché mi piace talmente tanto la voce dell’autore che penso che non possa stare bene su di me”, ha detto la cantante. “La musica deve darti un brivido, infatti poi riascolto molto i provini a casa e scavo molto dentro me stessa”.

Cosa ha provato Alessandra Amoroso registrando “Tutte le cose che io so”? “L’inizio della registrazione è stato complicato, poi c’è stata molta gioia. Io nonna ce l’ho sempre vicino, in ogni scelta che faccio, in ogni cosa che dico”, ha raccontato la cantante. “Chiedo molto spesso aiuto a lei quando sono in difficoltà, anche se non c’è fisicamente io sento molto la sua presenza. Ogni volta che canto quel brano io sono davvero felice perché so che le arriva il mio pensiero ancora più forte”.

Come ha reagito la famiglia di Alessandra Amoroso quando ha annunciato la sua data a San Siro? “Ho mantenuto il segreto, ma non ci sono riuscita più di tanto. Le mie sorelle, mio cognato e la mia migliore amica mi hanno scoperta subito”, ha raccontato la Amoroso. “Poi l’ho detto ai miei genitori, è stato tutto molto bello”.

Che lavoro c’è dietro a uno spettacolo come uno stadio? “Le persone sono molte di più. C’è una famiglia tanto grande, tante persone che lavorano giorno e notte. Quando lavoreremo nello stadio, loro monteranno tutto la notte prima”, ha detto la Amoroso. “C’è tanto sacrificio, tanta gente. Lavorano a questo progetto centinaia di persone”.

Quando ha cominciato a fare questo lavoro, per Alessandra lo stadio era un obiettivo? “Non era un obiettivo, era un sogno”, ha raccontato la cantante. “Ci ho creduto tantissimo. Sinceramente non ho lavorato per arrivare, io ho sempre fatto musica perché mi andava di raccontare qualcosa di me. Poi è arrivato lo stadio e sono molto felice”.

Cosa si possono aspettare i fan di Alessandra Amoroso da San Siro? “Sicuramente tanta musica, tante persone che coloreranno il palco e tantissimo amore e voglia di esserci”, ha detto la Amoroso. “Dopo due anni e un po’ abbiamo tanta voglia”. Alessandra aveva più ansia quando ha comunicato lo stadio un anno fa, o adesso? “L’ansia è l’unica cosa che è rimasta costante, ancora non cresce”, ha detto la cantante.