Alimentazione in vacanza: 5 regole per affrontare la nutrizione nelle ferie

49

Affrontare sempre con “equilibro” la propria alimentazione significa restare in forma e in salute non solo nei giorni di vacanza, ma per tutto l’anno

lader fabbriVacanza, non ti temo! È arrivato il tanto atteso momento delle ferie estive, prequel di un periodo preparatorio fatto di rinunce a tavola, palestra e una rigorosa remise en forme per ritrovare una silhouette a prova di bikini. Ma come fare a non mandare all’aria quanto fatto senza rinunciare ai benefici e il relax che regala la vacanza, primo fra tutti il piacere della buona cucina? L’estate è la stagione in cui, tra aperitivi e cene fuori, si è messi a dura prova ed è altresì impensabile pensare alla dieta, rinunciando così a godersi appieno questo periodo spensierato. Quindi come prevenire al rientro il classico “pantalone che tira” perché ci si appesantisce, e soprattutto come fare a non ingrassare senza rinunce? Secondo Iader Fabbri basta seguire piccole strategie “salva estate” per rimanere in forma, mangiando.

Iader Fabbri – biologo nutrizionista e divulgatore scientifico con all’attivo numerosi master nell’ambito della nutrizione e della salute- da sempre insegna come nutrirsi in modo sano e con strumenti applicabili alla vita di tutti giorni. Attraverso la divulgazione scientifica, si pone come obiettivo quello di diffondere una cultura alimentare a 360° e destinata a tutti. Come, cosa e quando mangi è più importante di quanto mangi. È questa la filosofia di Iader Fabbri, cuore del suo bestseller “L’indice di equilibrio” – uno dei tre grandi successi editoriali insieme a “Ricette in Equilibrio” e “Ricette Vegane e Vegetariane anche per onnivori”.

“Ricette Vegane e Vegetariane anche per onnivori”, il libro di Iader Fabbri

Un metodo pragmatico per sviluppare una coscienza alimentare e mangiare in modo bilanciato, senza impazzire con calcoli o calorie. Principio che si rivela fondamentale e risolutorio soprattutto in momenti come la vacanza, dove si tende ad “abbassare le difese” e rilassarsi, e non si ha modo di tenere tutto sotto controllo dal punto di vista della nutrizione. Affrontare sempre con “equilibro” la propria alimentazione significa restare in forma e in salute non solo nei giorni di vacanza, ma per tutto l’anno.

LE 5 REGOLE D’ORO DI IADER FABBRI:

1. Scegli la mezza pensione: ti aiuterà a pianificare in maniera più “leggera” la vacanza. Pensione completa significa un pasto impegnativo in più – a cui non sarebbe facile poi rinunciare – che graverebbe inutilmente sul bilancio alimentare della vacanza. Tra una ricca colazione e una buona cena gourmet gustando le specialità del territorio accompagnate da un buon vino, strategico è metterci in mezzo un pranzo più leggero e frugale: come per esempio un piccolo toast, o un panino con tacchino o pollo; oppure un’insalata di lattuga, pomodori e verdure fresche; del melone o anguria. Semplici e veloci da consumare durante una camminata in montagna o una giornata in spiaggia, rappresentano l’escamotage ideale per rimanere in forma senza troppi sacrifici.

2. Fai una colazione da re: saziarsi e gratificarsi al mattino permette di gestire al meglio la fame durante il resto della giornata. La parte più amata della vacanza, soprattutto per chi soggiorna in hotel, è sicuramente la ricca colazione continentale a cui non si può e non si deve rinunciare. Concesso sbizzarrirsi al buffet gustando i dolci tipici, torte fatte in casa, crepes e pancake, ma non dimentichiamoci di inserire sempre una fonte proteica – uova o salumi per esempio – bilanciamento che aiuterà a mantenere la glicemia stabile per le ore successive, ed essere sazi più a lungo.

3. Cerca sempre di allenarti: praticare attività fisica durante la vacanza è un buon metodo per non appesantirsi. Per esempio, al mattino prima della colazione: una camminata, una corsa o qualche esercizio prima del pasto può essere utile per garantirci costanza rispetto a quanto fatto durante l’anno e permetterci di presentarci alla colazione con i depositi di zucchero di fegato e muscoli più vuoti, e quindi pronti da riempire senza rischi a colazione.

4. Fai degli spuntini spezza fame: che sia a metà mattina o metà pomeriggio, stuzzicare qualcosa tra un pasto e l’altro è utile per non arrivare affamati a tavola e aumentare così le porzioni di carboidrati ad alto carico glicemico. Ideale frutta fresca o oleosa, un pezzo di formaggio o uno yogurt. Si placherà la fame e si eviterà di esagerare nei pasti principali.

5. Fai l’abbinamento proteico a ogni pasto: la proteina dà un alto potere saziante e riesce a stabilizzare meglio la glicemia. Quindi via libera ai primi di pasta, o al pane, pizza e piadine ma ricordarsi sempre di abbinare un secondo proteico, che bilancerà correttamente l’alto carico glicemico dato dai carboidrati.

Ultima regola, ma fondamentale è: godersi la vacanza. Ciò che fa ingrassare davvero? Le paranoie! Bisogna godersi il piacere di stare in compagnia, anche a tavola: il benessere mentale ci farà “ingrassare” di meno. Il cervello è la centralina che guida la nostra biochimica, in grado anche di modificare gli effetti che il cibo può avere su di noi. Perciò, con serenità ed equilibrio, arriveremo alla fine della vacanza addirittura più in forma rispetto alla partenza.