“All Souls Hill”, il nuovo album dei The Waterboys: tracklist

68

the waterboys all souls hill

Tra le band più alternative e creative delle ultime decadi rappresentate dal carismatico Mike Scott con il 15° album dal 6 maggio

A poco più di un anno dall’acclamato ‘Good Luck Seeker’, The Waterboys non perdono tempo e sono pronti a tornare con ‘All Souls Hill‘, il nuovo album, il quindicesimo, in arrivo il 6 maggio su etichetta Cooking Vinyl. Nell’estate 2020 Mike Scott guardava avanti: ‘Good Luck, Seeker’, il quattordicesimo album, stava per essere pubblicato, la fine di un’era iniziata con ‘Out Of All This Blue’ (2017) e ‘Where The Action Is’ (2019), una specie di trilogia influenzata dal soul che volgeva al termine, dopo cinque intensi anni di creatività e di lunghi tour.

Da qui, la sensazione che il prossimo album sarebbe stato diverso. Sei dei nove brani di ‘All Souls Hill’ sono state scritti con il produttore di Manchester Simone Dine, che ha aggiunto il suo contributo country-folk, un ‘livello insolito di collaborazione’ per Mike Scott, abituato ad avere il totale controllo del processo creativo, ma era proprio questo ciò che stava cercando, essere fuori dalla sua comfort zone.

Il punto di partenza per il nuovo album arriva nella primavera del 2021, quando Dine ha inviato a Scott un file con numerosi brani strumentali che aveva realizzato. Tra questi, uno catturò immediatamente l’attenzione di Scott: ‘Here We Go Again’ è diventato così un travolgente canto in cui ognuno guarda le notizie di ciò che accade nel mondo, senza però imparare mai la lezione, continuando a commettere gli stessi errori, uno sguardo ironico sull’umanità. Da qui, gli altri cinque brani sono nati in modo spontaneo, un flusso di creatività che ha dato vita a singoli come ‘The Liar’, accompagnato dal video realizzato dal satirico Cold War Steve, tra riff arrabbiati e parole altrettanto inferocite, una descrizione della ciarlataneria politica.

La title-track è invece una vorticosa sinfonia rock and roll che irradia paura e irrequietudine. ‘My Dreams’ descrive sogni reali di Mike Scott, mentre ‘The Southern Moon’ è stata scritta aggiungendo alla traccia musicale di Dine testi e melodie composte da Scott oltre vent’anni fa.

Nel disco figura anche la leggenda musicale Robbie Roberton: Scott esegue infatti una cover del brano del 2019, ‘Once We Were Brothers’, riscritto in parte dallo stesso Mike, con il permesso di Robbie. La canzone ha inoltre dato il titolo al recente documentario su The Warerboys. ‘All Souls Hill’ si chiude con il coro gospel di ‘Passing Through’.

Mixato dallo stesso Mike Scott, ‘All Souls Hill’ è una collezione di nove brillanti inediti che parlano di attualità, di soldi, di potere, di social, ma con aria di speranza. “All Souls Hill is mysterious, otherworldly, tune-banging and emotional. I made it with Waterboys old and new and my co-producer, brilliant sonic guru Simon Dine. Its nine songs tell stories, explore dreamscapes, and cast a cold but hopeful eye on the human drama.” – Mike Scott.
‘All Souls Hill’ arriva a pochi mesi da ‘The Magnificent Seven: The Waterboys’ Fisherman’s Blues/Room To Roam Band, 1989 – 1990′, il box set la cui pubblicazione è stata accompagnata da un tour in Inghilterra tutto esaurito.

THE WATERBOYS
‘All Souls Hill’
6 maggio 2022
Cooking Vinyl – The Orchard – Egea Music
formato: digitale, cd, lp

Tracklist

All Souls Hill – The Liar – The Southern Moon – Blackberry Girl – Hollywood Blues
In My Dreams – Once Were Brothers – Here We Go Again – Passing Through