“Amore controvento”, il nuovo singolo dei Cosatinta: l’intervista

120
cosatinta gianna simonte
Cosatinta Gianna Simonte – ©Francesco D’Aleo

È in radio, e dall’11 dicembre, negli store e sulle piattaforme digitali, “Amore controvento” il nuovo singolo dei Cosatinta, scritto da Gianna Simonte (voce della band), da Giuseppe Morana (piano e voce) e Peppe Maggio (chitarra e voce). Il brano è firmato per gli arrangiamenti da Phil Palmer, musicista, autore e arrangiatore di fama mondiale (chitarrista dei Dire Straits, George Michael, Eric Clapton, collaborazioni con Lucio Battisti, Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, produttore e arrangiatore per Renato Zero, incluso il suo ultimo album). Le chitarre sono dello stesso Phil Palmer così come la produzione del singolo, insieme a Max Minoia. La direzione artistica è stata curata da Numa.

I Cosatinta ci hanno gentilmente concesso un’intervista.

“Amore controvento” è il vostro nuovo singolo, di che cosa si tratta?

E’ un progetto in cui crediamo moltissimo, un brano nato da un’ispirazione di Gianna, la band leader, di cui abbiamo avuto la fortuna si innamorasse un mito della musica mondiale come Phil Palmer (ex Dire Straits, chitarrista tra gli altri per Eric Clapton, George Michael, Battisti, Baglioni, Ramazzotti, produttore di molti album, compreso l’ultimo, di Renato Zero), tanto da decidere ai arrangiarlo e produrlo. Ad affiancarlo nella produzione un altro nome di spicco, Max Minoia, mentre la direzione artistica e la regia sono di Numa, compagna di Phil Palmer, artista, produttrice e arrangiatrice.

Il brano è nato dall’amore per gli amori, cosa si vuole trasmettere con questo lavoro?

Vogliamo trasmettere il coraggio di vivere l’amore, sempre e comunque, anche gli amori più difficili e asimmetrici per età, sesso, razza, religione, distanze, anche quelli di una notte o di un breve periodo. Perchè ogni sentimento d’amore ha la sua dignità, la sua unicità e perchè non è mai giusto vivere di rimpianti.

Il video che accompagna il singolo è stato girato in Sicilia, com’è strutturato?

Il video omaggia ancora una volta, come nei precedenti lavori, la sicilianità dei Cosatinta ed è girato tra Palermo e l’incantevole spiaggia di Guidaloca a Castellammare del Golfo. Interni ed esterni dunque rigorosamente made in Sicily con un occhio particolare al “colore”, come nelle riprese del porto di Palermo o del famoso mercato di Ballarò, con le sue voci e la sua vitalità.

Come nasce e come si sviluppa il vostro progetto musicale?

Siamo sempre ispirati dalla vita reale ma anche dalle contaminazioni dei luoghi che, per suonare, visitiamo. La nostra attività si svolge infatti per 6/7 mesi l’anno all’estero e per il resto in Italia, in particolare in Sicilia. Dunque da una parte il nostro solido background italiano, in particolare legato al cantautorato, che in “Amore controvento” è evidenziato e dall’altro un’anima più internazionale che si può ritrovare nei nostri precedenti singoli estivi.