Epoque, pubblicato il singolo Boss (io e te): alla scoperta del significato

1320

epoque boss (io e te) cover

La cantante italiana di origini congolesi ha pubblicato il suo nuovo singolo, in cui si i ritmi afro incontrano la musica pop e rap

Pubblicato in digitale il singolo Boss (io & te), il nuovo di epoque di Epoque, rapper e cantante torinese di origine congolese, classe 1992. Si tratta del primo singolo dell’artista per Virgin Records (Universal Music Italia). Con la sua proposta musicale unica, Epoque si affaccia sul mercato discografico italiano e anche su quello internazionale sia grazie a un suono del tutto contemporaneo sia grazie ai testi dei brani che scrive in francese, italiano e lingala, lingua della Repubblica Democratica del Congo.

Il singolo

Dopo il successo del precedente singolo Petite, un brano afrotrap che ha riscosso consensi di critica e pubblico, in Boss (io & te) Epoque racconta il rapporto di una ragazza con il suo fratellino: una​ dichiarazione d’amore in cui l’artista descrive le difficoltà di chi cresce senza agi in un quartiere difficile ma vuole garantire un futuro a un bambino che deve accudire perché i genitori sono assorbiti dal lavoro. Epoque canta e rappa su una produzione musicale afro contemporanea di Di Gek in cui batterie che richiamano le ritmiche zouk si fondono a chitarre – suonate dal musicista ghanese Joshua – che riprendono stili e melodie tipiche dell’Africa centrale e occidentale.

Il significato

Così Epoque ha raccontato il suo brano: “Volevo parlare di tutte quelle ragazze e quei ragazzi che crescono più in fretta degli altri, lasciano la scuola per lavorare, sacrificano l’adolescenza per diventare adulti e assumersi responsabilità più grandi di loro. La vita di quartiere non è facile e per uscirne o sopravvivere, a volte, si fanno scelte sbagliate, affrettate o eticamente tormentate ed è da quel momento che si allontanano i sogni, le passioni, gli obiettivi. In altri casi non è così e ci sono molti giovani coraggiosi che combattono per guadagnarsi i soldi sufficienti per una vita ‘normale’ e per permettersi di poter fare le stesse scelte di qualsiasi altra persona”, così la cantante.

Chi è

Janine Tshela Nzua, vero nome dell’artista di origine congolese, è nata a Torino e cresciuta tra Parigi e Bruxelles, prima di stabilirsi nel capoluogo piemontese, dove ha frequentato le scuole. Da sempre appassionata di musica, dopo l’incontro con Di Gek – producer e appassionato di musica africana, house e hip hop -, ha dato forma a un suo stile personale con sonorità afro in cui la melodia R’n’B si alterna al rap . I testi conscious, in cui mischia l’italiano con il francese e il lingala, uniti a un incontro tra musicalità e ritmiche afro, danno un respiro internazionale al suo stile.