“Come Frank” è il nuovo singolo di Francesco Curci

50

“Con questo brano riparto da zero, scrivo un nuovo capitolo della mia storia personale ed artistica, non a caso esce nel giorno del mio compleanno”

francesco curci coverFuori venerdì 14 gennaio per l’etichetta Show in Action (distr. Pirames International) il nuovo singolo di Francesco Curci dal titolo Come Frank. Il brano inaugura un nuovo percorso artistico e di vita, non a caso arriva nel giorno del suo compleanno, dopo tre anni di assenza vissuti alla ricerca di nuove forme espressive e segnati da una radicale trasformazione della sua immagine da cui prende forma una nuova consapevolezza artistica con cui oggi si racconta e che rivendica con tutta la determinazione possibile. Come Frank è infatti un vero e proprio inno alla libertà, un manifesto di emancipazione, un invito ad amarsi ed accertarsi per quello che si è e non per quello che vogliono gli altri «Cercare a tutti i costi di piacere al mondo / E diventare poi la brutta copia di sé stesso», imparando giorno dopo giorno a fare i conti con le proprie paure e insicurezze, a trasformarle in punti di forza per affrontare il mondo spietato che là fuori è sempre «con il dito già puntato a condannare un innocente». Le sonorità elettroniche del brano, a metà tra britpop e urban, ipnotizzano sin dai primi accordi, creando un conturbante gioco di equilibri tra le dimensioni più intimiste delle strofe e quelle dirompenti degli incisi, per un sound che lo stesso artista definisce “kamikaze”, cioè esplosivo.

Francesco Curci ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Come Frank” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

È un brano che celebra la diversità come sinonimo di autenticità, ovvero ciò che ci rende unici, speciali. La diversità non è qualcosa da cui prendere le distanze, piuttosto un’occasione di crescita, di confronto. Viviamo in una società che si ferma all’apparenza e perciò al pregiudizio, che non è ancora capace di andare al di là, scavare nell’animo umano per comprendere i motivi che portano a certi atteggiamenti e modi di essere. È perciò un invito a difendere a denti stretti la propria identità, a rimanere sempre coerenti a sé stessi senza provare a cambiare o a reprimersi soltanto per piacere agli altri, con il rischio di diventare “la brutta copia di sé stesso”, come dico nel testo.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Un senso di libertà, la stessa che provo io riascoltandola o cantandola. Una libertà che è il frutto di tre anni di ricerca in cui ho provato a risolvere conflitti interiori, esorcizzare dolori, trasformare il mio aspetto fisico che è coinciso anche col conquistare una nuova percezione di me e del mondo che mi circonda.

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Sono assente da tre anni, un periodo che è un’eternità per il mercato discografico attuale. Ho avuto la fortuna di vedere ricomparire all’orizzonte una parte di quel pubblico che sono riuscito a conquistare fino ad allora. Un pubblico che però era abituato ad un’altra versione di me e che oggi si ritrova davanti un artista trasformato nell’immagine, nei suoni, legato al passato solo per la voce che rimane l’unica cifra identitaria. Perciò non ho aspettative precise, meglio non averne, perché mi rendo conto che non è facile far abituare quel pubblico a questo cambiamento in poco tempo. Ma in fondo era il mio obiettivo: far perdere le tracce di quell’artista che ero fino a tre anni fa e cominciare a raccontare quello di oggi che è sicuramente più vero, più autentico, più in pace con sé stesso. Non nego, tuttavia, che mi piacerebbe conquistare il più alto numero di cuori possibili, farmi scoprire da un pubblico il più vasto e composito possibile. Ma il percorso è appena cominciato….

Come nasce il tuo progetto musicale?

Discograficamente ho esordito nel 2013, ma faccio musica da quando sono bambino. Ho studiato canto, pianoforte, ho iniziato a scrivere le prime canzoni a 11 anni. Ho partecipato a contest nazionali di ogni tipo che hanno rappresentato la mia palestra, l’occasione per confrontarmi con il pubblico, prenderne confidenza. Ma posso dire che per me il vero debutto è ora, con questo brano, con questa nuova direzione artistica. Oggi quando mi chiamano “artista” mi sento pienamente rappresentato, fino a tre anni io per primo non ci credevo. Forse è questo il vero cambiamento!