Creedence Clearwater Revival at the Royal Albert Hall: la tracklist

60

creedence clearwater revival

Dopo 50 anni l’album meticolosamente restaurato verrà pubblicato in contemporanea con l’uscita del documentario

Da decenni, tra i fan dei Creedence Clearwater Revival circolavano voci su una registrazione perduta da tempo della loro leggendaria performance del 1970 alla Royal Albert Hall di Londra. Ora, Craft Recordings è lieta di annunciare che le voci erano, in effetti, fondate. In più formati (di seguito i dettagli), il tanto atteso Creedence Clearwater Revival at the Royal Albert Hall presenta il concerto nella sua interezza e fotografa dal vivo il gruppo – all’apice della carriera – nella più prestigiosa sala da concerto londinese. Offrendo agli ascoltatori un’esperienza immersiva, l’album vede John Fogerty, Tom Fogerty, Doug Clifford e Stu Cook interpretare successi (oramai grandi classici) come “Fortunate Son”, “Proud Mary” e “Bad Moon Rising”, l’ultimo dei quali è ascoltabile QUI.

Creedence Clearwater Revival at the Royal Albert Hall uscirà il 16 settembre in LP su vinile da 180 grammi e in CD. L’album sarà inoltre disponibile sulle piattaforme digitali, anche nei formati hi-res e Dolby® ATMOS immersive audio.

Dopo circa mezzo secolo sugli scaffali, I nastri originali (multitraccia) sono stati meticolosamente restaurati e mixati dal team (insignito di Grammy® Award) del produttore Giles Martin e del tecnico del suono Sam Okell, che insieme si sono occupati di una innumerevole lista di acclamatissimi progetti, tra i quali l’edizione per il cinquantenario di Abbey Road e Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles, così come l’audio sia del film biografico Rocketman dedicato ad Elton John che della serie The Beatles: Get Back Series diretta da Peter Jackson. La versione in vinile è stata masterizzata dal rinomato tecnico del suono Miles Showell presso gli Abbey Road Studios grazie alla tecnologia half-speed technology per un’esperienza d’ascolto ai massimi livelli.

Creedence Clearwater Revival alla Royal Albert Hall uscirà in concomitanza con il documentario Travelin’ Band: Creedence Clearwater Revival alla Royal Albert Hall. Diretto dal due volte vincitore di Grammy® Award Bob Smeaton (The Beatles Anthology e Jimi Hendrix Band of Gypsies) e narrato dall’attore premio Oscar® Jeff Bridges, il film accompagna gli spettatori dagli albori della band ad El Cerrito, in California, fino alla repentina e folgorante ascesa. Ricco di numerosi filmati inediti, Travelin’ Band culmina proprio con la performance della band alla Royal Albert Hall, vale a dire l’unico filmato integrale di un concerto della formazione originale dei CCR ad esserci pervenuto. Il film uscirà internazionalmente il 16 settembre, rimanete sintonizzati per maggiori dettagli …

Quando i Creedence Clearwater Revival salirono sul palco della Royal Albert Hall il 14 aprile 1970 (quindi pochi giorni dopo che i Beatles avevano annunciato lo scioglimento), i rocker californiani erano probabilmente diventati la più grande band del mondo. Nei mesi precedenti lo show, i CCR avevano vissuto un “anno magico” senza precedenti, come racconta Jeff Bridges nel film. In soli 12 mesi la band aveva raggiunto cinque singoli nella Top 10 e tre album nella Top 10 [Bayou Country, Green River, Willy and the Poor Boys] nelle classifiche americane, superando i Beatles. Erano apparsi al leggendario Ed Sullivan Show e suonato a oltre un milione di persone in tutta l’America, comprese le centinaia di migliaia di persone riunite a Woodstock. ‘John, Tom, Stu e Doug’ forse non erano un quartetto universalmente noto quanto ‘John, Paul, George e Ringo’, ma i Creedence stavano sfidando i Beatles per il titolo di band più grande del mondo.

In effetti, il suono “swamp rock” della band, che suonava tanto “Southern”, finì con l’invadere le frequenze radiofoniche di tutto il modo in quel 1969. Singoli come “Proud Mary”, “Green River”, “Fortunate Son” e “Down on the Corner” sono stati nella Top Ten in Europa, Nord America e Australia, mentre “Bad Moon Rising” ha raggiunto la vetta della classifica nel Regno Unito e in Nuova Zelanda. Ma i Creedence sono stati più di un semplice successo commerciale. Alla fine del 1969, Bridges osserva: “John Fogerty era considerato uno dei cantautori politicamente più influenti d’America”, in seguito al suo commento pungente (con risvolti sociali) sulla guerra del Vietnam in “Fortunate Son”. I critici stavano prestando molta attenzione ai CCR, mentre Rolling Stone li dichiarò la “Best American Band”. All’alba del nuovo decennio, i Creedence suonarono in un trionfale spettacolo nella città natale all’Oakland Coliseum. Meno di quattro mesi dopo, ad aprile, i quattro si imbarcarono nel loro primo tour europeo, una serie di otto spettacoli che includeva tappe in Olanda, Germania, Francia e Danimarca.

La band considerava i due show londinesi (subito sold-out) come una sorta di test per il successo del loro tour europeo. Aprendo la loro prima serata con “Born on the Bayou”, la band travolse il pubblico con dodici brani ad alto impatto. “Ciò che distingueva i Creedence da molti dei loro contemporanei era la loro capacità di produrre sul palco il sound dei loro dischi, e l’evidente emozione, la gioia che scaturivano dalla loro predilezione per i concerti dal vivo”, spiega ancora Jeff Bridges.

Alla conclusione dello show con “Keep on Chooglin'”, la band ricevette una standing ovation di 15 minuti. Il giorno dopo piovvero reazioni entusiastiche da pubblicazioni autorevoli come The Times e NME, che dichiararono senza remore “I Creedence Clearwater Revival hanno dimostrato oltre ogni dubbio che sono, secondo una opinione condivisa, la più grande rock and roll band del mondo. Nelle loro abili mani non solo il vero spirito della musica rock è vivo e vegeto, ma sta calciando come un mulo!” Durante le due serate nella celebre sala da concerto, i CCR non solo hanno seguito le orme di artisti come i Rolling Stones, i Led Zeppelin, Jimi Hendrix e i Beatles, ma hanno anche dimostrato di essere al loro stesso livello.

Se i Creedence Clearwater Revival solo due anni più tardi avrebbero intrapreso strade separate, le speculazioni riguardo ad una registrazione dal vivo di quel leggendario concerto iniziarono a circolare tra i fan già dal 1980. In quell’anno, la Fantasy Records aveva pubblicato un album dal vivo della band, con il titolo fuorviante di The Royal Albert Hall Concert. Si scoprì presto che l’audio proveniva, in realtà, dallo show all’Oakland Coliseum, catturato mesi prima della sortita londinese. Mentre l’etichetta si affrettava ad applicare all’album uno sticker con le informazioni giuste – e correttamente ribattezzata le ristampe successive della performance del gennaio 1970 con il titolo The Concert – le riprese della Royal Albert Hall rimasero una ‘leggenda metropolitana’ del rock ‘n’ roll… fino ad ora.

Creedence Clearwater Revival at the Royal Albert Hall: la tracklist

CD e digitale

1. Born on the Bayou

2. Green River

3. Tombstone Shadow

4. Travelin’ Band

5. Fortunate Son

6. Commotion

7. Midnight Special

8. Bad Moon Rising

9. Proud Mary

10. The Night Time Is the Right Time

11. Good Golly Miss Molly

12. Keep on Chooglin’

Vinile

A1. Born on the Bayou

A2. Green River

A3. Tombstone Shadow

A4. Travelin’ Band

A5. Fortunate Son

A6. Commotion

A7. Midnight Special

B1. Bad Moon Rising

B2. Proud Mary

B3. The Night Time Is the Right Time

B4. Good Golly Miss Molly

B5. Keep on Chooglin’