Cristallo di parla del video del brano estratto dall’EP “Dei Due”

58

cristallo

“Chi vuoi essere dei due? è una domanda che implicitamente poniamo all’altro e a noi stessi ogni volta che ci troviamo in relazione con qualcuno”

È disponibile il videoclip ufficiale di “Dei Due” (Blackcandy Produzioni), brano estratto dal nuovo EP di Cristallo già disponibile su tutte le piattaforme di streaming. La ricerca di un luogo sicuro e il desiderio di continuo stupore, la conoscenza profonda dell’altro e la necessità di rinnovamento: “Dei Due”, nuovo brano di Cristallo, narra la duplice natura propria dell’amore e dei bisogni, apparentemente opposti, che coesistono e tentano di trovare un equilibrio all’interno della coppia. Questo brano mostra le sfumature contraddittorie del sentimento amoroso.

Cristallo ci ha gentilmente concesso un’intervista.

È disponibile il videoclip ufficiale di “Dei Due”, come si caratterizza?

Le riprese del video sono state fatte al Grs studio di Firenze che Black Candy, la mia etichetta, ci ha messo a disposizione. Il regista Agustin Cornejo ha creato un cerchio di amplificatori, tastiere e batteria sul perimetro del quale io e la mia band ci siamo disposti per eseguire il pezzo. Mentre Agustin sistemava le luci sulla scala a pioli io la osservavo e appena è sceso ci sono salita. Allora lui ha proposto di iniziare il video lasciandomi lassù e l’idea mi è piaciuta molto.

Cosa vuoi trasmettere con il brano e con il video?

Il brano parla dei ruoli all’interno di una relazione di coppia, della necessità di scambiarseli per mantenere reciprocità. Col video ci siamo tuffati nella dimensione del live che in questo momento storico ci manca molto. Il brano ha un ritmo e una dinamica che si prestano benissimo all’esibizione dal vivo.

Il brano è estratto dal nuovo EP, come si compone?

L’ep è composto da 5 tracce che dovevano fare parte di un disco la cui uscita era prevista per la scorsa primavera ma che la pandemia ha impedito. Ho così deciso con Black Candy di pubblicare in digitale questi brani il cui fil rouge è quello delle relazioni, nel loro binomio di presenza/assenza, vicinanza/distacco.

Come ti sei avvicinata al mondo della musica?

Come quasi tutti i miei colleghi ho iniziato da ragazzina a suonare coi miei amici, ho preso lezioni di canto, ho cambiato tante formazioni fino ad arrivare al mio precedente progetto, Melampus. Quando ho avvertito la necessità di cominciare a scrivere in italiano è nata Cristallo.