Ella Fitzgerald, in uscita un concerto inedito del 1962

NEW YORK – Verve Records annuncia l’uscita di un’inedita registrazione dal vivo di Ella Fitzgerald: “The Lost Berlin Tapes” furono registrati – incredibilmente sia in mono che in stereo – allo Sportpalast di Berlino il 25 marzo 1962: Ella, al massimo della forma, è accompagnata da un trio guidato dal pianista Paul Smith, con Wilfred Middlebrooks al contrabbasso e Stan Levey alla batteria. “Ella: The Lost Berlin Tapes” sarà pubblicato da Verve Records il 2 ottobre. Il primo singolo è “Mack The Knife”.

C’era qualcosa di speciale in Berlino: qualcosa in grado di ispirare Ella a dare il meglio di sé. Nel febbraio del 1960 aveva tenuto un concerto al Deutschlandhalle, pubblicato con grandissimo successo con il titolo Mack The Knife: Ella in Berlin, uno dei suoi album più celebrati e venduti, vincitore di due Grammy® ed entrato nella Grammy® Hall of Fame. Due anni dopo quello storico concerto, Ella tornò nella stessa città al culmine della sua carriera, nel corso del suo più lungo tour europeo. Affiancata dalla sua fedele sezione ritmica (Paul Smith, Wilfred Middlebrooks e Stan Levey) Ella – al top della forma, un mese prima del suo 45° compleanno – offrì un set elettrizzante. ‘Ella: The Lost Berlin Tapes’ è un vero gioiello nello scrigno del tesoro dell’impresario e fondatore della Verve Records, Norman Granz.

Come manager della grande cantante, aveva l’abitudine di registrare Ella dal vivo, a volte per usi radiofonici, a volte in vista di una pubblicazione su disco, o anche solo per tenere il nastro. Questa particolare registrazione è stata incredibilmente catturata sia in mono che in stereo, e così in questa serata di marzo Sportpalast di Berlino troviamo Ella alle prese sia con gemme poco conosciute così come con grandi successi del suo abituale repertorio. Uno di quei successi è stato “Mack The Knife”. Se Ella – come è noto – aveva incespicato nel cantare il testo nella registrazione del 1960, qui non ha esitazioni.

A parte il fatto di non ricordare il nome della città che la sta ospitando. Nella registrazione, con fascinosa disinvoltura, dice infatti “Signore e signori, che imbarazzo. È qui che ho cantato per la prima volta ‘Mack The Knife’ e adesso nel momento in cui dovrei citare la città, ho un vuoto di memoria!”. Il pubblico è comunque ammaliato. Quel fascino unico, quell’energia, quella maestria sono palpabili in tutta questa registrazione dal vivo, che si apre con “Cheek To Cheek”, seguita dalla più rara “He’s My Kind of Boy”. Dopo il suo travolgente intervento scat in “Jersey Bounce”, Ella passa a una toccante ballad del Great American Songbook, “Angel Eyes”. Non manca un successo di Ray Charles come “Hallelujah, I Love Him So”, nella cui seconda parte Ella ha modo di sfoderare le sue capacità di improvvisatrice. Questa incredibile performance sarà pubblicata su in CD, LP e formati digitali.