“Liberi di fare quello che ci piace”: Eugenia Martino presenta “E allora”

53

eallora

Esce venerdì 11 dicembre 2020 il nuovo singolo di Eugenia Martino, dal titolo “E allora“, title track del disco d’esordio in uscita prossimamente (prod. Mogol, L’Altra Metà SRL/Massimo Satta). Si tratta di un brano autobiografico, uno sfogo di chi, lontano da banchi di scuola e pregiudizi di genere, prende le distanze dalle convenzioni e regole, spesso autoimposte. Un nuovo capitolo per la cantautrice Eugenia Martino che si mette a nudo per permetterci di entrare nel suo mondo, di un fine e agro-dolce cantautorato al femminile.

L’artista ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“E allora” è il tuo nuovo singolo, come nasce?

E’ nato dalla presa di coscienza di quelli che sono stati dei blocchi emotivi riferiti alla mia infanzia che è stata un pò tormentata dai pregiudizi e ho trovato il modo di tirarla fuori in una canzone.

Quale messaggio vuoi lanciare con questo lavoro?

Il messaggio è che dobbiamo essere liberi di fare quello che ci piace, liberi di scegliere. La cosa bella è la contaminazione di tante persone diverse che coesistono senza doversi definire o spiegare.

Il brano anticipa il primo album di prossima uscita, ci puoi dare qualche anticipazione?

Sarà un disco di storie, non ci sono canzoni d’amore, c’è qualche riflesso dell’ amore forse ma è un disco che parla di tanti personaggi. Da una ragazzina che si ritrova in un cartello della droga, a un vecchietto milanese che in un incidente viene derubato della sua arte fino a una canzone che parla di malattia come fosse un viaggio da attraversare.

Quali sono le peculiarità del tuo cantautorato al femminile?

Mi piacciono le rime, i terzinati, il mio è un cantautorato vecchio stile, fotografico, spudorato.