Helen ci parla di “Aria”, il suo nuovo album: l’intervista

helen

La giovane cantautrice valdostana: “È un progetto in cui mi sono divertita a sperimentare. Ho composto i brani utilizzando ogni tipo di strumento a mia disposizione”

È disponibile sulle piattaforme digitali e su tutti i digital stores “Aria” (TdE ProductionZ), il nuovo album di Helen, giovane cantautrice valdostana. Inoltre è in rotazione radiofonica “Ça Suffit”, primo singolo estratto.

“Aria” è un album in lingua inglese e francese contro la violenza, un disco che parla di libertà, sogni, sentimenti, diritti e amore e descrive a 360 gradi il mondo dell’artista. In questo nuovo lavoro Helen mette in evidenza la sperimentazione e la ricerca del suono, spaziando dal mondo elettronico a quello acustico, mescolando suoni e arrangiamenti “trap” e sonorità “pop”.

Helen ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Aria”, è il tuo nuovo album. Di che cosa si tratta?

“Aria” è un album composto da 13 tracce realizzate in chiave alternative-pop che parlano di libertà, sogni, sentimenti, diritti, amore. Ho composto parte dei brani utilizzando ogni tipo di strumento a mia disposizione (loop station, pianoforte, synth, chitarra, basso e flauto traverso) e ho cercato di mettermi alla prova stravolgendo gli arrangiamenti che ritenevo più scontati e banali. Alcuni brani sono nati dalla collaborazione con Momo Riva (TdE ProductionZ) che ha creato il beat su cui ho aggiunto in seguito testo e melodia.

Questo lavoro discografico è contro la violenza, tema quanto mai attuale…

“Ça Suffit” nasce come grido di speranza per dire “basta” alla violenza, tematica ricorrente nella storia dell’umanità che non si limita solo alle numerosissime guerre susseguitesi durante il corso della storia, ma si estende anche alla nostra realtà quotidianità dove atti di violenza (fisica o psicologica) si verificano frequentemente. Il nostro tempo su questa terra è limitato: sta a noi decidere se spendere gli attimi che compongono la nostra vita accecati dall’odio o motivati dalla voglia di costruire, di imparare, di amare. Dopotutto non dobbiamo dimenticarci che da bambini sognavamo di essere i “supereroi buoni” non i “mostri cattivi”. Questo brano nasce come promemoria per ricordarci che siamo tutti bambini nel profondo.

In questo progetto ti sei divertita a sperimentare. Come hai vissuto questa esperienza?

L’ho vissuta in maniera molto positiva, ero alla ricerca di un modo per esprimere me stessa e per valorizzare le tematiche trattate. Ho cercato di ricreare diversi sound spaziando dal mondo elettronico a quello acustico, sperimentando con suoni e arrangiamenti trap e lavorando molto sulla scelta dei riverberi e sulle melodie. Ho pensato di unire tutti questi ingredienti per creare qualcosa di personale che mi rappresentasse al 100% sotto tutti gli aspetti complessi della mia personalità.

Com’è nata la collaborazione con Momo Riva?

La mia collaborazione con Momo Riva nasce nel 2018 quando ho registrato presso il TdE Studio il mio primo EP ‘Helen’. Successivamente abbiamo lavorato insieme ad altri due album: ‘Clouds’ realizzato in chiave R&B e ‘Aria’ che, come ho già anticipato, strizza l’occhio all’alternative. È stato sempre al mio fianco nella realizzazione di ogni brano, ha arrangiato, prodotto e suonato con me i pezzi dandomi sempre ottimi consigli. La collaborazione si estende anche nell’ambito dei live show in cui accompagna con chitarra e percussioni le mie esibizioni con la loop station.