Il 38% della popolazione è in sovrappeso al rientro dalle ferie

23

ROMA – È la «post-vacation blues», già conosciuta come sindrome da rientro, un disturbo con cui la maggior parte degli italiani hanno a che fare al ritorno dalle ferie. A metterlo in evidenza è Vamonos-Vacanze.it, il tour operator italiano specializzato in vacanze di gruppo. In base ad un sondaggio realizzato questo mese dal tour operator romano su un campione di 1.000 uomini e 1.000 donne di età compresa tra i 18 ed i 50 anni, il 52% degli italiani si ritrovano ad affrontare lo stress da rientro dalle vacanze, una risposta psico-fisiologica al ritorno alla propria quotidianità, fatta di responsabilità, impegni e doveri, che si sostituisce a ritmi, luoghi ed attività gratificanti dei periodi di vacanza.

«Ritornare alla routine quotidiana, agli impegni familiari, al lavoro o allo studio e via dicendo si accompagna spesso ad ansie e stress a causa appunto del cambio di abitudini e del ripresentarsi di impegni e scadenze da rispettare», sottolinea Emma Lenoci, fondatrice di Vamonos-Vacanze.it. Il disagio si manifesta come malessere psicologico e fisico e colpisce soprattutto coloro che tornano al lavoro a ritmi frenetici, dopo un lungo periodo di stop. E così ci si sfoga anche sul cibo: secondo il sondaggio da Vamonos-Vacanze.it tra il 26 ed il 27 di questo mese, il 32% è ingrassato proprio al rientro dalle vacanze estive.

«Al rientro dalle ferie siamo tutti maggiormente esposti a prendere peso, lasciandoci trascinare dallo stress e rifugiandoci nei piaceri della tavola, rinunciando perfino allo sport ed alle attività fisiche che invece abbiamo praticato abitualmente durante le ferie estive», spiega Emma Lenoci. È così che ci ritroviamo ad avere in Italia il 38% della popolazione in sovrappeso ed il 9% di obesi.

Lo stress è dietro l’angolo: dopo aver staccato la spina da pensieri e preoccupazioni ed avere dedicato intere giornate al relax ed al divertimento, non è facile ritornare alla vita di tutti i giorni. L’impatto con i ritmi frenetici e le incombenze giornaliere — dal fare la spesa ad occuparsi della casa — ma anche il traffico, le scadenze ed i numerosi impegni lavorativi può risultare davvero poco piacevole.

Come combattere lo stress da rientro? «La soluzione migliore è quella di iniziare la routine con gradualità concedendosi un periodo di assestamento, prendersi cura del proprio corpo ristabilendo il giusto ritmo sonno-veglia che solitamente in vacanza è meno regolare e cercando di seguire un’alimentazione corretta. Ma anche incominciare a pensare alle prossime vacanze o prenotare una minivacanza, ad esempio per Halloween», rispondono gli esperti di Vamonos-Vacanze.it.

«Ad essere andati in vacanza a settembre sono stati in molti», osserva il tour operator. È una scelta sempre più ricorrente tra gli italiani: a partire è stato chi non è partito prima, ma anche e soprattutto chi la vacanza già l’ha fatta ma non vuole perdere l’occasione di un bis in taluni casi perfino a metà prezzo. E sì, perché i voli e gli alloggi costano molto meno rispetto ai mesi centrali estivi e nel contempo le località sono meno affollate, con condizioni meteorologiche ancora ottimali per le destinazioni marittime. «Una tendenza che continuerà anche ad ottobre», prevedono gli esperti di Vamonos-Vacanze.it.

A far registrare il tutto esaurito sono la settimana sul Mar Rosso a Sharm El Sheikh (dal 2 al 9 ottobre) ed in Madagascar (dal 4 al 12 ottobre), mentre rimane ancora qualche opzione per la crociera MSC in Grecia, Mykonos e Croazia (dal 9 al 16 ottobre), per il ponte di Halloween a Capo Verde (dal 26 ottobre al 2 novembre) e per quello a Dubai ed Abu Dhabi (dal 27 ottobre al 1 novembre). Ma ad andare per la maggiore ad ottobre sono anche i weekend, come il fine settimana benessere ad Abano (dal 21 al 23 ottobre), il ponte di Halloween a Lisbona e quello in Costiera Amalfitana (entrambi dal 29 ottobre al 1 novembre).