Il sudore ci appiccica: Gabbani gioca la carta del tormentone estivo

francesco gabbani viceversa

Dopo “Tra le granite e le granate” del 2017 ed “È un’altra cosa” del 2019, Gabbani torna con un nuovo tormentone estivo. Ecco il video

Dopo il grande successo sanremese di Viceversa (oltre 42 milioni di visualizzazioni su Youtube, davanti ad Elettra Lamborghini e allo stesso vincitore dell’edizione 2020 Diodato), l’apprezzato Francesco Gabbani torna a giocarsi la carta del tormentone estivo. Non si tratta della prima volta: già nel 2017 – con “Tra le Granite e le granate” – e nel 2019 – con “È un’altra cosa” – il cantautore di Carrara si è cimentato con questo modo di far musica.

Dal 5 giugno “Il sudore ci appiccica” è in rotazione radiofonica: il clip era stato trasmesso in anteprima già il 4 giugno. Disponibile già in digitale, l’estratto dell’album Viceversa è un brano divertente ed ironico, esattamente ciò che si aspetta un fan del cantautore toscano. Non mancano tuttavia degli spunti di riflessione a proposito della fase di lockdown, da poco conclusa: “Il mio nuovo singolo vorrebbe essere un portatore sano di buona speranza. Ho continuato a pensare in modo positivo anche in questi ultimi mesi. Ecco che lo stesso termine sudore assume nella canzone un significato duplice. Sudore è ciò che ci unisce nella fatica e nel bisogno. A questo riguardo penso all’impegno reale, profuso da tutti durante l’emergenza epidemica. Ma credo che  il sudore sia anche la voglia di spensieratezza e divertimento che dobbiamo riuscire a ritrovare nei prossimi mesi”. Ha dichiarato Gabbani a SkyTg24.

Il brano è ballabile e spiritoso, e nel clip possiamo vedere la “doppia percezione” di Gabbani, che si fa tangibile si manifesta nello sdoppiamento del protagonista-gabbani: uno analitico, in giacca e occhiali, l’altro in maglietta e jeans colorati. “Il me più sgargiante e colorato è come mi vedono gli altri, il me in completo scuro è la parte più introspettiva e analitica”.

TESTO DI IL SUDORE CI APPICCICA – F. GABBANI

Fra l’altro ti volevo dire
La vita non è male
Per quanto stare bene non sia poi così normale
Sorriso in faccia finte in ventre lacrime innocente
Cos’è che conta veramente se la gente
Odia la gente
Fra l’altro ti volevo dire che la vita non è male (oh, yeah)
Fra l’altro cosa ci vuoi fare
Sopra a queste scale un po’ si scende un po’ si sale
Pertanto probabilmente
Il numero uno non conta niente
Comunque non conta più niente
Se invece di darsi la gente prende
E comunque si balla
Come bolle nell’aria
E si tagga la faccia
Che è riaperta la caccia
E comunque si bacia
L’italiana banana
Cuori impavidi a galla
Culi sigari e Avana, banana
Bacia bacia, picchia picchia
Bacia e picchia
Il sudore ci appiccica
Il sudore ci appiccica
Accipicchia
Fra l’altro l’altro giorno mi sentivo quasi un altro
Invece son lo stesso dalla fine di un amplesso
I genitori fanno i figli e i figli i genitori
Sul letto sotto un tetto tutti dentro (e tutti fuori)
Fra l’altro ti volevo dire che la vita non è male (oh, yeah)
Amico cosa mi fai fare
Rubi rubi rubi poi ci tocca ripagare
Che tanto sicuramente il ladro più furbo non ruba niente
Arriva sorride si gira tradisce e alla fine sparisce
E comunque si balla
Come bolle nell’aria
E si tagga la faccia
Che è riaperta la caccia
E comunque si bacia
L’italiana banana
Cuori impavidi a galla
Culi sigari e Avana, banana
Bacia bacia, picchia picchia
Bacia e picchia
Il sudore ci appiccica
Il sudore ci appiccica
Accipicchia
Tuttavia voglio andare via ma non trovo la stazione
Scapperò con un aquilone che mi aspetta sul portone
Tuttavia qui da casa mia vedo poco la nazione
Vedo molto bene bananine e bananone
E comunque si balla
Come bolle nell’aria
E si tagga la faccia
Che è riaperta la caccia
E comunque si bacia
L’italiana banana
Cuori impavidi a galla
Culi sigari e Avana, banana
Bacia bacia, picchia picchia
Bacia bacia, picchia picchia
Bacia bacia, picchia picchia
Baci, picchia
Il sudore ci appiccica
Il sudore ci appiccica
Accipicchia
Fra l’altro ti volevo dire
No niente