Ludovico Einaudi: il 4 giugno esce “Cinema”

37

MILANO – Con una carriera che dura da tre decenni e più generazioni, la musica del compositore e pianista Ludovico Einaudi è diventata una delle più riconoscibili al mondo. E per celebrare i suoi incredibili successi cinematografici, Decca Records ha annunciato “Cinema”, una nuova raccolta di incredibili opere musicali realizzate da Einaudi e utilizzate in film e TV che sarà pubblicata il 4 giugno. ‘Cinema’ presenta 28 brani mozzafiato dal grande e piccolo schermo tra cui Insidious, Sense8, This is England e le quattro composizioni inserite nella colonna sonora di Nomadland, pellicola tra le favorite per il premio Oscar.

La regista Chloe Zhao è stata recentemente ospite nel podcast Experience: The Ludovico Einaudi Story, nel quale ha spiegato al presentatore Joe Dempsie come ha scoperto per la prima volta la musica di Einaudi: “Sono andata online per cercare musica classica ispirata dalla natura… [mi ha portato a] un video su YouTube della sua Elegy for the Arctic. Ho quindi iniziato ad ascoltare Seven Days Walking e sono rimasta stupita da come sentivo che Ludovico stava camminando sulle Alpi. Mi sembrava che lui e il personaggio di Fern camminassero parallelamente; il loro comune amore per la natura li collega, e sapevo che allora la sua musica si sarebbe adattata perfettamente al nostro film”.

Interviste con l’attore e produttore Russell Crowe (Les Miserables, Il Gladiatore), il regista e sceneggiatore Shane Meadows (This Is England, Dead Man’s Shoes), lo scrittore e regista Eric Toledano (Quasi amici, Samba) e altri, parlano di come hanno scoperto per la prima volta la musica di Einaudi e l’impatto emotivo che hanno avuto nella serie di podcast Experience: The Ludovico Einaudi Story. “Stavo usando molto la musica di Ludovico sul set solo per far venire la pelle d’oca alle persone… ti fa sentire come se fossi davvero dentro il film”, ha detto Russell Crowe su “The Water Diviner”. Sull’uso della sua musica per film e televisione, Einaudi afferma: “Dicono che la mia musica sia cinematografica… è sempre interessante per me vedere la mia musica combinata con le immagini; è come riscoprire la lettura della mia musica con una prospettiva diversa”.