“Milk n’ Honey”, nuovo singolo di Matilde G. L’intervista

35

matilde g

“Ho sedici anni e alla mia età vado incontro ai vincoli tipici di qualsiasi adolescente, inclusi gli impegni scolastici, la famiglia, i condizionamenti sociali, il giudizio degli altri”

Dal 4 giugno è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Milk n’ Honey” (The Kennel AB), nuovo singolo di Matilde G. Dopo l’uscita di “Doorbell”, suo contagioso inno pop pubblicato a inizio anno, Matilde G torna con un nuovo singolo estivo e provocatorio dal titolo “Milk n’ Honey”. Con il timbro vocale unico e sfacciato della giovane artista, il brano dà voce e forma alle fantasie senza limiti di un adolescente che vuole vivere nuove esperienze e di viaggiare per il mondo, esprimendo un desiderio di libertà senza confini e restrizioni.

Matilde G ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Milk n’ Honey” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

Si tratta di un brano electro-pop, upbeat, allegro estivo e leggero. Il video che lo accompagna è molto teen, spensierato e colorato. Subito prima delle riprese qui a Singapore, dove vivo, c’è stato un lockdown che ci ha costretto a rivedere il piano del video all’ultimo momento. All’inizio è stato il panico, ma alla fine è stata un’opportunità per dare sfogo alla mia creatività. Il videoclip lo sento molto mio, mi rappresenta in tutto e per tutto.

Cosa vuoi trasmettere con questo brano?

Sono un’adolescente e in quanto tale sono soggetta a molte restrizioni dovute a regole familiari, agli impegni scolastici e alla pressione sociale degli adulti che vedono noi teenager piú come grandi bambini che come giovani adulti. Inoltre vivo a Singapore, un meraviglioso paese ma molto rigoroso nel far rispettare le regole e per lo piú in tempo di covid! La mia canzone Milk n’ Honey vuole essere un antidoto giocoso a tutte queste limitazioni con cui mi sento costretta, cosí come molti miei coetanei. Parlo delle mie fantasie di salire su una Bugatti e di andarmene in giro liberamente per il mondo, da Saint Tropez a Pechino a Parigi, vivendo senza confini la mia giovinezza e scoprendo i piaceri della vita con un bel ragazzo ahahahhh 🙂

Che tipo di accoglienza ti aspetti?

Spero che in Italia giovani si divertano ad ascoltarlo in spiaggia e a ballarlo con gli amici. Mi auguro che Milk n’ Honey porti loro fortuna e che possano costruire bei ricordi sulle mie note. Qui in Asia e’ stato accolto con molto entusiasmo. In India e Malesia lo ha preso in licenza la Universal Music Group e nelle Filippine la Viva Records, colosso nazionale delle telecomunicazione e entertainment, In Vietnam lo ha presentato in anteprima Billboard e anche Spotify mi ha dato fiducia inserendolo in playlist editoriali di dieci diversi paesi asiatici. Insomma un sogno ad occhi aperti per un’artista emergente, mi sento molto fortunata.

Come nasce la tua passione per la musica?

La passione per la musica e’ nata con me, non c’è stato un motivo scatenante. Mi dicono che ho iniziato a provare a cantare prima ancora di saper parlare e che da piccola gli strumenti giocattolo erano i miei preferiti. Ho iniziato a suonare la tastiera elettrica a sette anni seguendo i tutorial su youtube dei brani di Ludovico Einaudi, mettendo gli adesivi di Hello kitty per ricordare le posizioni. In seconda elementare la mia scuola ha ospitato un concertino e sono stata folgorata da una giovane cantante. Mi sono fatta accompagnare da una mia amichetta a chiederle il numero di telefono perché mi vergognavo. Tornata a casa l’ho dato a mia madre dicendole che volevo imparare a cantare come lei. I miei genitori non sono musicisti e all’inizio non capivano la mia esigenza. Solo a 12 anni sono riuscita a fargli capire pienamente la mia passione per la musica. Mi hanno dato la possibilità di studiarla e fare molte esperienze, così tra le prove con la band in garage, open mic e festival, sono arrivata oggi ad avere il mio primo contratto discografico a soli 16 anni. E’ un punto di partenza molto importante per il mio futuro e sono grata alla mia etichetta per avermi dato fiducia.