“Non vi appartengo” è il nuovo album di Torchio: per lui una nuova partenza

58

torchio

“In questo album c’è tutto quello che avevo, poco o tanto non mi importa. E’ quello che sono e c’è il rock di cui non desideravo fare a meno ma è nell’urgenza dei testi che ho trovato la mia pace mai accondiscendente”

Lunedì 10 maggio 2021 è uscito per Ohimeme (www.ohimeme.com) il nuovo disco e primo full length solista per il cantautore di Alessandria Torchio. Un nuovo capitolo che segue il singolo omonimo e il brano Agamennone, uscito di recente. Un disco che è una sorta di autobiografia musicale che nasce dall’urgenza di raccontarsi sinceramente, e senza limiti di genere.

Torchio ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Non vi appartengo” è il nuovo album, di che cosa si tratta?

E’ il mio primo lavoro come solista, e’ una nuova partenza nata dall’ esigenza di dare corpo a testi e stati d’ animo che sento importanti. Sono nove canzoni piu’ un interludio e li amo.

Cosa vuoi comunicare con questo lavoro?

C’e’ tutto quello che sono in queste canzoni legate dal tema ricorrente della liberta’, quella per cui si e’ davvero pronti a fare scelte scomode e non sempre scontate, senza accodarsi per convenienza alla schiera dei Guelfi o dei Ghibellini in un atteggiamento che trovo semplicistico ed insopportabile ma purtroppo ricorrente su ogni argomento.

Questo lavoro segue il singolo omonimo e il brano “Agamennone”, come sono stati accolti?

Si tratta di due canzoni dal piglio rock che si appoggiano a sonorità certamente attuali. Sono piacevolmente stupito dagli ottimi riscontri. Noto che i brani piacciono ad un pubblico eterogeneo e questa cosa mi rende felice.

Come nasce il tuo progetto musicale?

Non esiste il “mio sistema”, quello migliore in cui procedere ed ogni canzone nasce in modo differente, così come cerco di non costringermi ad un solo genere ma ho certamente sempre in mente dove voglio arrivare sia che parta da un testo oppure da una melodia o altro. Questo album arriva dopo anni di vita e musica con la band, lasciare spazio al mio lato cantautorale rende certamente completo ed appagante il mio andare.