“Ora si corre”, Ale Anguissola parla del nuovo brano [VIDEO]

ale anguissola

Dal 6 novembre è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Ora si corre”, il nuovo singolo di Ale Anguissola

Tra sonorità latine che ricordano le atmosfere tribali e invitano a riprendere contatto con la nostra natura primordiale, Ale Anguissola con il suo nuovo brano dal titolo “Ora si corre” è mosso da una precisa urgenza comunicativa: riprendere mano su ciò che siamo davvero preservandolo con cura, nonostante il momento complicato che sta coinvolgendo tutto il mondo in questo particolare momento storico. L’artista ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Ora si corre” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

Si tratta di un brano incentrato sul desiderio di ripartenza. Ogni riferimento al periodo attuale non è puramente casuale ma ciascuno ci legga un po’ quello che desidera. Il mio intendimento è stato quello di prendere spunto dalla musica brasiliana nell’incedere della Batucada Per dare un messaggio di energia e di vigore.

Cosa vuoi comunicare al pubblico con questo brano?

Mi piacerebbe che nella leggerezza di una canzone si possa leggere lo slancio verso una ripartenza post Lockdown forte della consapevolezza dei sopravvissuti. Quello che voglio trasmettere è anche una sorta di ritorno alla natura e alla libertà.

Questo lavoro discografico presenta anche un videoclip, come si caratterizza?

Il videoclip girato da Alex Belli si incentra su due momenti principali il primo è al buio con acqua e fuoco e percussionisti brasiliani in tenuta mad max. Anche in quel film come nel mio brano si incomincia proprio Dai sopravvissuti.

Da sempre coltivi la tua passione per la musica, com’è nata e come si sviluppa?

Praticamente suono da sempre Avevo quattro anni e mezzo forse cinque quando mia madre mi sottoponeva a noiosissime lezioni di pianoforte insieme ai miei fratelli. Poi la chitarra da autodidatta e poi in occasione della mia laurea statunitense ho studiato negli States pianoforte verso i quarant’anni ho cominciato a suonare il sassofono ed attualmente mi concentro su lezioni di armonia.