“Paris or Rome” è il primo progetto solista di Alex Uhlmann

105

alex uhlmann

“È un brano molto personale. L’ho scritto davvero mentre cercavo di nuovo un posto in cui vivere, la prossima città dove potermi sentire finalmente a casa. Ma alla fine questo viaggio costante si è trasformato in una scoperta personale”

Si intitola “Paris or Rome” ed è il nuovo singolo del cantautore lussemburghese Alex Uhlmann, già cantante dei Planet Funk e direttore musicale del talent The Voice. Il brano, che uscirà il 12 febbraio in tutta Europa per l’etichetta berlinese Hoersenmusic e in Italia per Qui Base Luna, anticipa l’ep “Home”, prodotto da Steve Lyon (Depeche Mode, The Cure) tra Londra e Roma, che uscirà a maggio 2021. Dopo numerose esperienze musicali, tra le quali in primis i Planet Funk, e collaborazioni importanti, come quella con David Morales, Alex Uhlmann inizia con “Paris or Rome” la sua carriera solistica. Il brano sintetizza musicalmente e concettualmente quello che Alex è oggi e forse quello che è sempre stato.

Alex Uhlmann ci ha gentilmente concesso un’intervista.

“Paris or Rome” è il tuo nuovo singolo, di che cosa si tratta?

È il mio primo progetto solista. In tutta la mia vita musicale ho sempre cantato in gruppi o fatto featuring. Questa volta non ci sono compromessi, non ascolto nient’altro che il mio cuore. È abbastanza terapeutico ed è una bella soddisfazione.

Si tratta di un brano molto personale, perché?

Perché mi sono messo proprio a nudo e ho raccontato chi sono. Nella mia vita ho vissuto in molti posti diversi. Sono lussemburghese di nascita ma sono sempre stato alla ricerca di un posto in cui sentirmi a casa. Provavo quasi invidia per la gente che sente una forte appartenenza. Quando ho scritto questa canzone pensavo veramente a dove volevo vivere, se tornare a Parigi o andare a Roma. Alla fine invece mi sono ritrovato tra Milano e Berlino e ho realizzato che non importa dove vivo o di dove sono, ma cosa faccio per essere felice. Se faccio questo mi sento a casa. E questa canzone, questa musica sono io.

Con questo lavoro ti avvicini a una scrittura più cantautorale, com’è avvenuto questo scostamento rispetto al passato?

Come dicevo prima ho sempre fatto parte di gruppi e spesso scrivevo con altri. E ancora oggi mi piace confrontarmi e scrivere con altre persone (nell’ Ep ci saranno diverse tracce scritte con Luca la Morgia per esempio) ma avevo bisogno di rompere un po’ con il passato e farlo “my way”..

Il brano anticipa l’ep “Home”, ci puoi dare qualche anticipazione?

Paris or Rome apre questo nuovo percorso e naturalmente anche gli altri pezzi all interno dell’ep seguono questa strada più intima, più organica e cantautoriale. Ma non posso completamente negare le diverse influenze musicali che mi hanno fatto crescere come artista per questo in alcuni pezzi ci sarà anche qualche elemento elettronico ma l’anima del disco e decisamente ‘acustica’.

Hai lasciato il segno in tutta Europa, questo significa che hai dato tanto a livello musicale. Come hai vissuto le tue brillanti esperienze di questi anni a livello professionale e personale?

Sono certamente molto grato per mio percorso fin qui. Ho potuto lavorare con gente molto interessante,ho imparato tanto e mi sono divertito faccendo quello che amo. Ma sono molto curioso e mi piacciono le sfide quindi spero che questo viaggio continui il più lungo possibile.