Red Canzian in tour con la nuova edizione di “Casanova Opera Pop”

24
foto di Jarno Iotti

VENEZIA – Ieri 3 dicembre, al teatro Malibran di Venezia, ha debuttato la nuova edizione di Casanova Opera Pop, il kolossal di teatro musicale composto da Red Canzian. Si tratta della prima data della tournee ufficiale che, dopo l’apertura in laguna, attraversa l’Italia fino a marzo 2023 per oltre 60 repliche, in una forma leggermente rivista rispetto alle anteprime di inizio 2022. Lo spettacolo ha infatti potuto godere di una minuziosa messa a punto, fatta dal team italiano che ne ha curato il concept fin dal primo momento, insieme a un nome sostanzioso come quello di Nick Grace, produttore e distributore di tutti i più grandi successi internazionali (Mamma Mia!, Cats, Blue Man Group, Walking With Dinosaurs, Tina e decine di altri).

Il guru riconosciuto del teatro musicale mondiale, assistendo alle anteprime dello spettacolo nei mesi scorsi insieme al suo direttore creativo Anthony Van Laast (Sister Act, Mama Mia!, Tina-The Tina Turner Musical, alcune fra le tante produzioni che gli sono valse nomination e Awards) e alla regista associata Carolien Canters (Cats), per la prima volta si è interessato a un musical di fabbricazione 100% italiana e ha deciso di lavorare con Red e i suoi collaboratori per renderlo ancora più appassionante e dotarlo di quell’apertura internazionale che lo stesso Canzian ha immaginato fin dal primo istante.

foto Jarno Iotti

Dopo alcune repliche di rodaggio sold out – il 26 e 27 novembre al Teatro Salieri di Legnago (VR), a conclusione del preallestimento, e il 30 novembre al Teatro Comunale di Bolzano – restano pochissimi biglietti per assistere allo spettacolo al Teatro Malibran di Venezia, la sua città di elezione, dove Casanova Opera Pop va in scena dal 3 all’11 dicembre 2022, mentre dal 14 al 18 dicembre sarà poi al Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano. Dopo la pausa natalizia, il tour riprende il 3 gennaio 2023 al Verdi di Brindisi, poi il 5 e 6 al Teatro Team di Bari, dopodiché Casanova Opera Pop approda per la prima volta a ROMA, al Teatro Brancaccio dal 10 al 22 gennaio, poi al Teatro Lyrick di Assisi il 25 e al Politeama Genovese a Genova il 27 e 28. In febbraio lo spettacolo è al Teatro Valli di Reggio Emilia il 3, 4 e 5, ritorna al Teatro Alfieri di Torino il 10, 11 e 12, sarà al Verdi di Montecatini il 14 e al Teatro Verdi di Firenze il 17, 18 e 19.

Il 1° marzo tappa a Gorizia, al Teatro Comunale Giuseppe Verdi, prima di arrivare al Rossetti di Trieste, il 2 e 3 marzo, poi al Teatro di Varese l’8, al Maggiore di Verbania il 9 e chiudere infine la stagione al Teatro EuropAuditorium di Bologna con doppia replica l’11 e 12 marzo. Uno straordinario kolossal musical-teatrale, tratto dal best-seller di Matteo Strukul “Giacomo Casanova – la sonata dei cuori infranti”, romanzo di ambientazione storica tradotto in oltre 10 lingue, Casanova Opera Pop è una nuova opera concepita, composta e prodotta da Red Canzian, uno spettacolo maestoso che già nel corso del breve tour di anteprima fra gennaio e marzo 2022 in 6 settimane ha conquistato il cuore di oltre 30.000 spettatori.

‘Casanova Opera Pop’ racconta Giacomo Casanova in un’età intorno ai 35 anni, al rientro dall’esilio e strenuo difensore di Venezia dai giochi di potere che la vorrebbero venduta allo straniero. Nelle due ore di spettacolo in due atti, con 21 straordinari performer sul palco – 11 cantanti attori e 10 ballerini acrobati che, nelle coreografie dallo stile guerriero di Martina Nadalini e Roberto Carrozzino, nei vari momenti interpretano le Ombre, i Veneziani al Carnevale, i nobili in festa e i momenti corali della storia – assistiamo a oltre 30 cambi scena che Red ha realizzato personalmente, attraverso un allestimento scenico immersivo, fatto di fotografie scattate nella Venezia deserta durante la pandemia e trattate al computer in modo da restituire ambientazioni della città e dei suoi luoghi di un iperrealismo spiazzante, capace di trasportare gli spettatori dentro i luoghi di una Venezia settecentesca, i bacari, le calli, i Palazzi della nobiltà, le Cattedrali, Piazza San Marco, la laguna, la prigione dei Piombi, e quelli della fuga fra i boschi e i Castelli del Nord Italia prima del ritorno di Casanova da salvatore della Serenissima nella Venezia del Doge e innamorato – finalmente – della giovane Francesca Erizzo, figlia dell’aristocrazia veneziana ma, come il suo amato, dal cuore assetato di giustizia e libertà.

In scena, nella parte di Giacomo Casanova, troviamo Gian Marco Schiaretti, uno dei talenti più puri cresciuti in Italia e di successo all’estero (già protagonista di Evita nel West End, Tarzan della Disney in Germania, Moulin Rouge a Colonia, Don Juan e Notre-Dame nei tour internazionali in Asia e America). Accanto a lui, nella parte dell’incantevole e volitiva Francesca Erizzo, destinata a conquistarne il cuore, la giovane e già affermata Angelica Cinquantini, volto familiare della fiction televisiva. Il ruolo dei malvagi, pronti ad approfittare di un momento di fragilità della Serenissima e del Doge che la governa, è affidato a gipeto, che interpreta il potente e corrotto Inquisitore Pietro Garzoni, pronto a spazzare via senza il minimo scrupolo tutto ciò che gli è da ostacolo per ottenere il potere del porporato, e a Manuela Zanier, ovvero la perfida Contessa von Steinberg, nobile austriaca non insensibile al fascino di Casanova, ma pronta a tessere trame mortali per inseguire il proprio interesse ed esercitare il proprio fascino secondo convenienza. Con loro in scena, a dipingere il quadro di una Venezia la cui storia e salvezza si giocano fra i bácari popolati da varia umanità e i ricchi Palazzi del potere, una serie di personaggi dalle sfaccettature diverse.

Quindi un pacioso e brontolone Frate Balbi, interpretato da Paolo Barillari; il fidanzato offeso Alvise pronto a sfidare Casanova a duello e il nobile Mocenigo entrambi interpretati da Jacopo Sarno; il perfido Zago al quale Roberto Colombo presta il volto e una fisicità trasformata dalla perfidia; il Doge Loredan e il nobile di lignaggio e di cuore Bragadin, entrambi interpretati da Gianluca Cavagna; fino al vasto mondo femminile tanto affascinato da Casanova, quanto indispensabile a sciogliere i nodi della storia. Quindi Elena da Padova, la cortigiana favorita di Casanova intrepretata da Francesca Innocenti, la bella Rosa, padrona della Cantina do Mori e capace di interpretare i segnali che nascondono le oscure trame, nelle cui vesti troviamo Rosita Denti; infine la malinconica e sfortunata Gretchen, cameriera della Contessa e vittima predestinata della perfidia dell’Inquisitore e dell’asservito Zago, interpretata da Chiara Famiglietti. Il cast si completa con un corpo di ballo di 10 ballerini: Mirko Aiello, Cassandra Bianco, Alberto Chianello, Eleonora Dominici, Federica Esaminato, Mattia Fazioli, Filomena Fusco, Raffaele Guarino, Vittoria Markov e Olaf Olguin.