Roby Facchinetti: “Grazie di cuore a tutti per l’affetto e il conforto”

In un video pubblicato su Youtube l’ex tastierista dei Pooh ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno avuto un pensiero per la sua città

BERGAMO – Ad una settimana esatta dalla sua uscita su tutte le piattaforme digitali l’inedito “Rinascerò, rinascerai” scritto da Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio, storici membri dei Pooh, e dedicata a Bergamo, quasi 10 milioni  di utenti di tutto il mondo hanno guardato le immagini della città e di tutte le persone coinvolte nel video.

Dieci milioni di visualizzaziioni su Youtube. Un dato sorprendente, un grande successo ma, soprattutto, un messaggio di speranza e un desiderio di rinascita di cui, in questi giorni, c’é veramente bisogno.

Roby Facchinetti ha pubblicato su youtube un video in cui ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno avuto un pensiero per Bergamo, così duramente colpita, e per i bergamaschi.

“Cari amici, ciao a tutti. -ha esordito Facchinetti- Innanzitutto, vi voglio ringraziare per i numerosissimi messaggi che mi avete inviato e che continuate a inviarmi. Sono messaggi di vero affetto, di conforto per me. Grazie, grazie veramente! Stiamo vivendo tutti i giorni veramente difficili, duri e dolorosi. Vi prego quindi di continuare a rimanere nelle vostre case perché l’unico modo. É l’unico modo per sconfiggere questo orribile virus. Mi raccomando, io e Stefano non potevamo mai immaginare che questo nostro brano “Rinascerò, rinascerai” potesse entrare nel cuore di tutti, nel modo più bello e più profondo.

Grazie grazie anche voi. Vi voglio, inoltre ricordare, che tutti i proventi che produrrà questo nostro brano, tra download, visualizzazioni, SIAE, tutto, andranno devoluti al nostro Ospedale Giovanni XXIII. Chi volesse fare anche delle donazioni personali potrà trovare tutte le indicazioni necessarie sui nostri siti. Grazie per quello che farete, grazie di cuore. Vi abbraccio tutti. A presto, ciao”.

Il ricavato sarà, soprattutto, utilizzato per l’acquisto di attrezzature mediche.