“Visioni Digitali”, l’incontro con Vittorio Gallese nell’Aula Magna Manodori

16

L’incontro con Vittorio Gallese Sabato 27 novembre ore 17.00 nell’Aula Magna Manodori per Visioni Digitali: l’esperienza di sé e degli altri nell’era della rivoluzione digitale

REGGIO EMILIA – La mostra Orizzonti del corpo. Arte / Danza / Realtà Virtuale, allestita presso Palazzo da Mosto e nata dalla collaborazione tra la Fondazione Palazzo Magnani e la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto, è un progetto originale che unisce arti visive, performative e tecnologia in un continuo scambio e dialogo moltiplicatore di emozioni. La grande novità di questa esposizione consiste nell’aver arricchito il percorso con visori di realtà virtuale, gli oculus, che permettono ai visitatori di “assistere” alle performance danzate mentre i ballerini non sono fisicamente presenti. Grazie a questi strumenti virtuali e immersivi, infatti, lo spettatore può percepire in maniera coinvolgente, esperenziale e del tutto inedita, la forza espressiva della danza.

Per spiegare e approfondire la comprensione di questa proposta, la Fondazione Palazzo Magnani invita a Reggio Emilia Vittorio Gallese, neuroscienziato e docente presso l’Università di Parma e la Columbia University di New York, per parlare di rivoluzione digitale.

Durante la conferenza, prevista per sabato 27 novembre alle ore 17 presso l’Aula Magna Manodori , UNIMORE (via Allegri 9 – Reggio Emilia), Gallese discuterà i possibili effetti che la digitalizzazione ha sui processi neuro-cognitivi coinvolti nella comunicazione sociale così come nella costituzione del senso di sé, soprattutto considerando la maggiore quantità di tempo trascorso online da quando la pandemia ha cambiato, e in maniera significativa, le modalità della nostra relazione con la realtà quotidiana.

“La mia tesi – dice il prof. Gallese – è che la tecnologia è sempre stata un’estensione della mente, quindi la definizione stessa di “artificiale” è intrinsecamente connessa alla capacità cognitiva “naturale” di sviluppare nuovi dispositivi che si accompagnano all’evoluzione di nuove tecnologie cognitive”.

Orari: Venerdì – Sabato e Domenica  10.00 – 19.00. Ingresso gratuito