“Vorrei”, alla scoperta del nuovo brano di Mazy: videoclip e testo

45
mazy ph francesconi
Mazy – Ph. Marco Francesconi

“Vorrei dà inizio a una frase da completare, un augurio, una speranza che permetta a ognuno di leggere ciò che desidera nello schermo criptico in background”

Da venerdì 15 aprile è in rotazione radiofonica e disponibile in digitale “Vorrei” (UDB Carousel Records), il nuovo singolo della giovane cantautrice toscana Mazy, nome d’arte di Alice Santini. Il brano è accompagnato dal videoclip ufficiale già online su YouTube. Scritto dalla stessa Mazy insieme a Ugo Bongianni, che è coautore della parte musicale e ha curato la produzione e l’arrangiamento, “Vorrei” conferma la poliedrica cifra stilistica della cantautrice di Camaiore (LU), caratterizzata da una vocazione pop con intense venature R&B, e da una scrittura intimista ricca di suggestioni visive.

La mancanza di comunicazione tra le persone è il tema, più che mai attuale, affrontato nel brano e descritto attraverso le dinamiche di una crisi di coppia.

«I protagonisti di “Vorrei” sono un Lui e una Lei che, a causa di un’incomprensione, si chiudono in un silenzio fatto di sguardi – racconta Mazy – Il silenzio, a sua volta, genera ansia e dolore e la loro storia d’amore, tutto a un tratto, sembra perdere il colore per trasformarsi in un film in bianco e nero che nessuno dei due guarderà più. Il sentimento che li univa diventa come“un bacio di Klimt senza l’oro intorno”».

Il videoclip di “Vorrei”, girato nel futuribile show-room della Gemeg ad Avenza (MS) dal team del Mindbox studio, si ispira alle immagini e ai giochi cromatici presenti nel testo, valorizzandone la portata metaforica.

L’allestimento scenografico e il concept sono opera dell’architetto Marco Francesconi, che spiega così l’idea e il complesso lavoro alla base del progetto.

«Il video si sviluppa intorno a un display: da una parte c’è la band che suona e dall’altra due ballerini che interpretano la canzone. Questo schermo, costituito da migliaia di elementi traslucidi, permette straordinari giochi di luci e di ombre che richiamano le immagini di un film in bianco e nero. Il grande pannello, inoltre, racchiude in sé un messaggio nascosto. La combinazione cromatica del giallo e dell’arancio, infatti, crea una scritta in Braille che apparentemente non può essere letta da nessuno. Il messaggio c’è ma non si può decifrare senza la giusta “sensibilità”, quella che spesso manca tra le persone che si amano e parlano la stessa lingua, ma non riescono a comprendersi. Nel disegno in Braille, il titolo della canzone assume peraltro una ulteriore valenza: “Vorrei” dà inizio a una frase da completare, un augurio, una speranza che permetta a ognuno di leggere ciò che desidera nello schermo criptico in background».

“Vorrei” vede la partecipazione, accanto a Mazy, di una formazione composta da alcuni giovani talenti del panorama musicale toscano: Leonardo Badiali (batteria), Fabio Angeli (basso), Pablo Gigliotti (chitarra), Francesco Saporito (tastiere). La band accompagnerà la cantautrice anche sul palco del prestigioso Teatro della Versiliana, dove si esibirà in concerto il prossimo 9 agosto.

TESTO VORREI – MAZY

Lo sai vorrei che tu mi parlassi, piangessi urlando
Sai vorrei che tu mi guardassi e dicessi cosa vuoi da me

Lo sai vorrei che tu liberassi quel peso che senti
E si vorrei che lui se ne andasse lontano da noi

Tornano i vuoti, i ricordi dei sogni
Corrono impazzite le voci di notte

Ma pensa un po’ che strano noi due per la strada a guardarci in silenzio
Ma pensa un po’ che siamo il bacio di Klimt senza l’oro intorno
E porta via il colore che è rimasto qui
Siamo un film bianco e nero che non guarderò, che non guarderai

Lo sai vorrei che io non sentissi più niente adesso
Sai vorrei che io potessi gridare più forte nel vuoto
Lo sai vorrei che io non avessi più l’ansia nel cuore
E si vorrei che lei scomparisse lontano da noi

Tornano i vuoti, i ricordi dei sogni
Corrono impazzite le voci di notte

Pensa un po’ che strano noi due per la strada a guardarci in silenzio
Ma pensa un po’ che siamo il bacio di Klimt senza l’oro intorno
Porta via il colore che è rimasto qui
Siamo un film bianco e nero che non guarderò, che non guarderai.

Ma pensa un po’ che strano noi due per la mano sul mare al tramonto
Ma pensa un po’ che siamo un lampo nel mare che sta sullo sfondo
E porta via il colore che è rimasto qui
Siamo un film bianco e nero che non guarderò, che non guarderai.

Ti prego salvami da queste voci che non smettono
E se vuoi spingimi dentro quel posto così buio
Voglio sentire queste voci ancora più forti nella mia testa
Vedo quel colore che ritorna

Ma pensa un po’ che strano noi due per la strada a guardarci in silenzio
Ma pensa un po’ che siamo il bacio di Klimt senza l’oro intorno
E porta via il colore che è rimasto qui
Siamo un film bianco e nero che non guarderò, che non guarderai.

CREDITI BRANO

Testo: Mazy (Alice Santini)
Musica: Mazy e Ugo Bongianni
Arrangiamento: Ugo Bongianni
Voce: Mazy
Basso: Fabio Angeli
Batteria: Leonardo Badiali
Chitarra: Pablo Gigliotti
Tastiere: Ugo Bongianni e Francesco Saporito

CREDITI VIDEO

Produzione video MINDBOX STUDIO
Scenografia: Marco Francesconi
Artwork: Massimo Magnolfi
Stylist: Martina Donzella
Make up: Serena Sbrana
Service audio e luci: Extrapalco
Coreografie: Elena Turchi (Scuola di danza Eden di Livorno)
Ballerini: Alessia Ciricosta e Ciro Napolitano

CHI É MAZY

MAZY, all’anagrafe Alice Santini, è una giovane cantautrice di Camaiore (LU), classe 2002. Inizia a suonare il pianoforte da bambina, spinta dalla passione per la musica, e in seguito intraprende degli studi di perfezionamento vocale con il soprano Alida Berti. Nel 2018 nasce la collaborazione con Ugo Bongianni, produttore, arrangiatore e pianista di caratura internazionale, che decide di scommettere su MAZY per lanciare la sua nuova etichetta indipendente UDB Carousel Records; un progetto supportato dall’associazione Kreion Versilia e finalizzato a scoprire e produrre i giovani talenti. La liaison artistica tra la cantautrice e Ugo Bongianni dà i primi frutti a ottobre 2020, con la pubblicazione del brano “Clear Fears”. Nello stesso anno, MAZY partecipa al Concorso Nazionale “A Voice for Europe”, classificandosi fra i primi otto. A giugno 2021 esce il singolo “Andata senza Ritorno” e l’8 novembre viene pubblicato “Serpente”, il terzo inedito della cantautrice, dedicato al tema della violenza sulle donne. L’8 aprile 2022 esce il videoclip del nuovo singolo “Vorrei”, disponibile in radio e in digitale dal 15 aprile.