Baglioni lancia un messaggio di speranza nel momento dell’emergenza coronavirus: “confidiamo in un’alba serena, luminosa e felice”

claudio baglioni concerto

ROMA – L’immagine toccante e suggestiva di una Piazza San Pietro vuota in cui Baglioni canta Fratello Sole Sorella Luna accompagnato solo dalla chitarra: il cantautore romano ha riproposto nei suoi profili Facebook e Instagram uno dei momenti più toccanti del concerto di beneficenza “Avrai”, tenutosi nel 2016 a favore dei terremotati del Centro Italia.

La canzone, ispirata al “Cantico delle Creature” di San Francesco D’Assisi, esprime un profondo amore per la vita e canta la infinita bellezza del Creato.

Il titolo del concerto era quello di uno dei più grandi capolavori dell’artista romano: una canzone scritta in occasione della nascita del figlio Giovanni, e attraverso la quale ha voluto comunicare ai terremotati un messaggio di speranza e di slancio verso il futuro.

E anche oggi, nel momento in cui ci troviamo a vivere una fase di grande difficoltà e di estrema incertezza, Baglioni dà a tutti noi un messaggio di profonda speranza.

“Era 17 dicembre 2016 quando, in una piazza San Pietro magnifica e irreale, vuota come due pomeriggi fa per la grande e straordinaria preghiera di Papa Francesco, cominciavo un concerto in mondovisione, dal titolo “Avrai”,  che poi si sarebbe tenuto nell’Aula Paolo VI, con una canzone che parla della bellezza del mondo e di tutte le sue creature.

Ora che il mondo intero vive una delle sue notti più buie e più difficili, noi tutti confidiamo in un’alba serena, luminosa e felice, proprio in questo tempo che ha un suo tempo, e anche questo passerà. Allora mancavano pochi giorni a Natale e adesso mancano pochi giorni a Pasqua: quindi da un periodo della nascita a un periodo della rinascita, nella speranza e nell’attesa, breve speriamo, che ci sia questa luce nuova a dare più luce tra Fratello Sole e Sorella Luna”.