Gli Everything But The Girl tornano dopo 24 anni con “Nothing Left To Lose”

5

MILANO – Gli Everything But The Girl tornano con i primi dettagli su “Fuse”, il loro primo nuovo album in studio dopo oltre 24 anni, in uscita il 21 aprile per Virgin Music LAS. La band pubblica oggi il primo singolo – e brano di apertura dell’album di 10 tracce – “Nothing Left To Lose”, accompagnato da un video del regista Charlie Di Placido (Kojey Radical, Jungle). Scritto e prodotto da Ben Watt e Tracey Thorn nella primavera-estate del 2021, Fuse è una rivisitazione moderna della brillante anima elettronica di cui la band è stata pioniera a metà degli anni Novanta.

La voce di Thorn, ricca di effetti e sfumature, è ancora una volta in primo piano nello scintillante paesaggio di Watt fatto di bassi, beat taglienti, synth e di spazi vuoti, e come in precedenza, il risultato è il suono di una band a suo agio nell’essere contemporanea, dal punto di vista sonoro, ma allo stesso tempo senza età. Parlando del ritorno della band e del nuovo album, Tracey dice: “Ironia della sorte, il suono del nuovo album era l’ultima cosa a cui pensavamo quando abbiamo iniziato il progetto a marzo del 2021. Naturalmente eravamo consapevoli delle pressioni che un ritorno così atteso avrebbe comportato, così abbiamo cercato di cominciare con uno spirito aperto e giocoso, incerto sulla direzione da prendere e aperto all’invenzione”.

La coppia ha registrato in segreto a casa e in un piccolo studio sul fiume fuori Bath con l’amico e ingegnere Bruno Ellingham. Per i primi due mesi, il nome dell’artista sui file dell’album era semplicemente TREN (Tracey e Ben), e le prime registrazioni si concentravano su montaggi di suoni ambientali e loop improvvisati di pianoforte registrati da Ben sul suo iPhone a casa durante l’isolamento forzato dalla pandemia – idee che in seguito sono sbocciate in brani d’atmosfera come When You Mess Up e Interior Space. Tuttavia, man mano che la fiducia cresceva, crescevano anche l’impulso e il ritmo dell’album, che culminava nella scrittura e nella creazione dei brani successivi, come il nuovo singolo “Nothing Left To Lose” e “Caution To The Wind”.

Attraversati da un’alternanza di speranza, disperazione e vividi flashback, i testi dell’album – a volte allusivi, a volte riccamente dettagliati, catturano ciò che si prova a ricominciare. Ben spiega: ‘È stato emozionante. Si è sviluppato un dinamismo naturale. Parlavamo con parole brevi e piccoli sguardi, e abbiamo scritto insieme istintivamente. È diventato più della somma dei nostri due io. È diventato Everything But The Girl da solo”. La rinnovata collaborazione in studio del duo ha portato anche al titolo del nuovo album. “Dopo tanto tempo di lontananza professionale, quando abbiamo iniziato c’era contemporaneamente un attrito e una scintilla naturale in studio”, dice Tracey. “Per quanto abbiamo minimizzato all’inizio, era come se si fosse accesa una miccia. Ed è finita in una sorta di unione, una fusione emotiva. La sensazione è stata molto reale e viva”.

Gli Everything But The Girl hanno conquistato la scena indie britannica nel 1982 con una cruda cover jazz-folk di “Night and Day” di Cole Porter. In seguito hanno pubblicato una serie di album certificati oro nel Regno Unito per tutti gli anni ’80, sperimentando con il jazz, il pop chitarristico, il wall-of-sound orchestrale e l’anima della drum-machine. Dopo la quasi morte di Watt a causa di una rara malattia autoimmune nel 1992, la coppia è tornata indenne con il milione di copie vendute dell’ardente folktronica di “Amplified Heart”, che ha venduto milioni di copie nel 1994. Il disco include il loro più grande successo, Missing, dopo che il remix del DJ-producer newyorkese Todd Terry l’ha fatto diventare un successo radiofonico mondiale.

Il frizzante ‘Walking Wounded’ – canzoni cariche di emozioni che traboccano di idee della scena elettronica della metà degli anni ’90 – segue nel 1996. Dopo il loro ultimo concerto al Montreux Jazz Festival nel 2000, i due hanno scelto di abbandonare gli Everything But The Girl con un grande entusiasmo. Gli anni successivi sono stati ovviamente tutt’altro che vuoti. Dal 2007 Tracey ha pubblicato quattro album da solista, la colonna sonora del film ‘The Falling’ di Carol Morley, quattro libri di saggistica e ha scritto a lungo per The New Statesman. Ben è diventato un DJ e remixer internazionale e ha gestito la sua etichetta elettronica Buzzin’ Fly per dieci anni prima di tornare alle sue radici di cantautore con una trilogia di album solisti dal 2014 al 2020.