Salerno, due discoteche sotto sequestro: sanzioni per 18mila euro

discoteca

Centinaia di presenze in più del consentito e violazioni delle norme di sicurezza, chiusi due locali nel Salernitano

SALERNO – Dopo la gravissima vicenda della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, dove hanno perso la vita sei persone nel corso del dj set di Sfera Ebbasta, sono scattati i controlli in tutta Italia.

I carabinieri della compagnia di Sala Consilina di Salerno, diretti dal Capitano Davide Acquaviva, hanno posto sotto sequestro due discoteche del Vallo di Diano in cui la quantità di persone superava di molto i limiti consentiti. In uno dei due locali erano presenti circa 500 persone a fronte di una soglia massima di 150, nell’altro vi erano 400 persone, mentre la capienza autorizzata era di 200. Altre violazioni in termini di sicurezza, protezione e prevenzione degli infortuni sono state riscontrate dai carabinieri: le uscite di sicurezza erano infatti ostruite da alcuni tavolini utilizzati come guardaroba, mentre all’esterno le numerose automobili parcheggiate di fronte alle uscite di emergenza ne impedivano l’apertura.

La tragedia di Corinaldo ha riaperto il tema della sicurezza nei luoghi pubblici affollati: l’inchiesta si muove infatti sul duplice fronte del reato compiuto dalla persona che ha spruzzato lo spray al peperoncino e sul sovraffollamento delle discoteche e la violazione delle norme di sicurezza.

Il premier Giuseppe Conte, dopo la riunione in Prefettura nel capoluogo marchigiano e l’incontro con il personale medico dell’ospedale Torrette di Ancona, ha espresso il suo cordoglio per le vittime e ha dichiarato: “Le regole ci sono e vanno rispettate. Noi saremo inflessibili nel vigilare, insieme a tutte le forze dell’ordine e alle autorità competenti, affinché queste tragedie non si ripetano più”.

Nei locali del Salernitano erano in corso due dj set. Il totale delle ammende penali è pari a circa 18mila euro.

A cura di Barbara Miladinovic