Vasco Rossi disintegra altri record, il nuovo brano in uscita a breve?

Vasco Rossi

Vasco Rossi continua a macinare record su record in attesa dei concerti che si terranno a giugno, in primavera un nuovo brano?

LOS ANGELES – Vasco Rossi è in studio di registrazione alla ricerca di “nuove idee”. Attraverso le varie storie sui social il Komandante ha mostrato il quartier generale dove stanno nascendo le musiche per il nuovo tour e un nuovo brano che potrebbe uscire breve. Secondo alcune indiscrezioni il nuovo singolo di Vasco potrebbe uscire in primavera ma non è escluso che possa essere messo sul mercato in autunno. Nel frattempo il Rocker di Zocca continua a lavorare negli Stati Uniti disintegrando nuovi record: quest’oggi, infatti, il “VascoNonStopLive2019”, è stato premiato come miglior tour agli “Onstage Awards 2020”. Di seguito il comunicato ufficiale dello staff del Blasco:

Da quando, nel 2015, gli Onstage Awards sono diventati un vero e proprio riferimento all’interno della scena musicale nazionale, mai nessuno era riuscito nell’impresa di vincere per tre anni consecutivi almeno un premio per ogni edizione. Vasco è abituato a realizzare ed infrangere record ma probabilmente nemmeno il Kom poteva immaginare di aggiudicarsi per ben due volte l’Award nella categoria Evento Dell’Anno (2018 e 2020), intervallato dal premio per il Miglior Tour (2019) e il riconoscimento speciale Re degli Stadi (2019).

Vasco Rossi agli Onstage Awards 2020 è il vincitore della categoria Evento Dell’Anno, con i suoi clamorosi “sei concerti sei” allo Stadio San Siro di Milano, il tempio del calcio e del rock. Sei serate speciali tutte sold-out in cui l’appena nominato Re degli Stadi ha ribadito il proprio indispensabile ruolo all’interno della scena live italiana.

Non solo. Vasco è stato capace di raccogliere in tre edizioni quasi 170.000 voti complessivi, provenienti dagli stessi fan che affollano i suoi concerti senza soluzione di continuità. E il fatto che questo numero equivalga bene o male alla metà dei 340.000 spettatori che hanno assistito ai sei concerti a San Siro del 2019 non può certo essere considerata una casualità. O no?